Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cos'è lo skiroll

Verso la metà degli anni ’70 nel nord Italia si è iniziato a sentir parlare di gare di skiroll. Questo attrezzo, nato per supplire alla mancanza di neve e consentire agli atleti appassionati dello sci di fondo di allenarsi con il gesto specifico anche in mancanza di neve, ha avuto proprio in Italia i suoi natali quale disciplina sportiva autonoma e per merito dell’imprenditore vicentino Fabio Crestani. Dopo aver iniziato a produrre skiroll da allenamento verso la fine degli anni ‘60, Fabio Crestani ha infatti verificato che per divulgare al grande pubblico questo nuovo attrezzo era necessario farlo vedere e provare; quale sistema più indicato che far competere fra di loro gli atleti che già utilizzavano lo skiroll per il loro allenamento? Comprese che lo sport dello sci di fondo, che necessariamente viene praticato in zone montagnose e comunque lontano dai luoghi abitualmente frequentati dal grande pubblico, poteva ricevere impulso e grande visibilità dall’opportunità di portare quei bravi sportivi e quell’ armonico gesto atletico più a diretto contatto con gli occhi della gente. Dopo aver coniato anche la parola “skiroll” (o ski roll), che oggi internazionalmente indica gli sci da fondo con le ruote, Fabio Crestani ideò ed organizzò nel 1976 le prime gare a Sandrigo ed Asiago, in provincia di Vicenza. Successivamente passò, con l’aiuto di altri appassionati, ad organizzare i primi Campionati Italiani, fino ad arrivare alla creazione della Federazione Italiana Ski Roll. Oggi la disciplina dello skiroll è gestita dalla Federazione Internazionale Sci (FIS), mentre in Italia è la Federazione Pattinaggio (FIHP) che si occupa dell’organizzazione in particolare del settore agonistico. Si organizzano Campionati e Coppe Nazionali, Continentali e Mondiali, alle quali partecipano atleti sempre più preparati e specializzati nella specifica disciplina. Gli atleti italiani, a seguito della grande diffusione e della più lunga militanza in questa disciplina, sono ancora oggi fra i più blasonati.

Anche lo Sci Club Montebelluna, nato nel 1965 è influenzato e attratto dal mondo dello skiroll e nel 1982 per volere di una parte di soci si affilia all’allora Federazione per lo Ski Roll. All’inizio seguita da pochi appassionati anche questa disciplina, oltre alle classiche invernali (sci alpino e sci nordico), ha contribuito a portare in alto il nome della Società in Italia ed in Europa.

Dopo le prime partecipazioni alle 12 Ore di Caldonazzo, alle gare di Seren del Grappa ed alle prime “Pedavena - Croce d’Aune”, gli atleti dello Sci Club iniziano a partecipare a gare di livello nazionale; si ricorda in quegli anni, proprio da parte dello sci club l’organizzazione  della Skirollonga del Montello nel 1988, ’89 e ’90.

Negli anni ’90, inoltre, lo Sci Club ha tesserato un atleta, Alfio Di Gregorio (nella foto a fianco) che, negli anni ha fatto la storia dello skiroll. E’ stato tesserato con lo Sci Club per circa quattro anni vincendo diversi titoli italiani e numerose gare di Coppa del Mondo, oltre ai primi “Campionati del Mondo” organizzati in Olanda.

E’ però dagli inizi del 2000, che lo Sci Club Montebelluna con la presidenza di Michele Parolin aiutato da validi dirigenti, inizia a mettersi in luce con continuità nelle gare di Coppa Italia e di Campionato Italiano ed ottenendo il definitivo salto di qualità.

Dal 2004, con l’organizzazione della gara in piano in centro a Montebelluna lo Sci Club entra di diritto tra le prime società in Italia, grazie anche a dei tesserati d’eccezione come Pietro Piller Cottrer fortissimo atleta plurimedagliato olimpico e mondiale, Cristian Zorzi, Nicola Morandini, Loris Frasnelli, Fulvio Scola e Dietmar Noekler tutti atleti della nazionale italiana di sci nordico. Ma lo Sci Club non ha solamente questi grandissimi campioni alla sua corte. Negli ultimi anni la nostra coalizione sta crescendo un buon numero di giovani atleti, molti dei quali hanno già dato prova della loro bravura e hanno fatto parte o fanno parte tutt’ora sia della nazionale juniores che della nazionale maggiore. Vanno ricordati su tutti Anna Maccagnan, Arianna Lorenzini ed Angelica Tagliati , Gianluca Lorenzini (nella foto a fianco),  ora seniores, ma nel 2009 capace di vincere il titolo di Campione del Mondo Juniores e vincitore della Coppa del Mondo di categoria, Andrea Torresan, Stefano Zampieri e Gabriele Caretta, Marco Longon e Paolo Maccagnan.

Siamo sicuri che con il lavoro che stiamo svolgendo a livello giovanile, grazie alla collaborazione ed alla passione di tutti i nostri addetti ai lavori e dei nostri allenatori lo Sci Club continuerà a mettere in pista giovani e promettenti atleti. Nella foto sotto la squadra di skiroll dello Sci Club.